Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE SPERANZE DE ROMA

Giuseppe Gioacchino Belli

Nun ho inteso; scusate, sor Pasquale:
De le vorte sto un po’ ssopr’ a ppenziero.
Che mme discévio? Ah, ssi aricàla er zale?
Eh, ddicheno de sí; ma ssarà vvero?

Voless’Iddio! Ma una furtuna uguale
Io pe la parte mia poco sce spero.
Eppoi ggiú ne lo spaccio cammerale
Inzin’ a cqui nnun ze n’è ddetto un zero.

Che jje n’importa un cazzo de la pila
De la povera ggente a li Sovrani
Che cconteno le piastre a ccento-mila?

Anzi, mó cciànno dato le missione;
E, ddopo er giubbileo, pe li Romani
Pe ssolito c’è ssempre er zassatone.

30 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 423 volte