Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE CREANZE A TTAVOLA

Giuseppe Gioacchino Belli

Sú er barbozzo dar piatto. Uh cche ccapoccia!
Madonna mia, tenéteme le mane.
Sora golaccia, aló, mmaggnamo er pane,
Presto, e ar cascio raschiamoje la coccia.

E adesso che pprotenni co sta bboccia?
De pijjà ’na zzarlacca? Er ciurlo cane!
Se n’è strozzate du’ fujjette sane,
E mmó sse vò assciugà ll’úrtima goccia!

Bbe’, ssi avete ppiú ssete sc’è la bbrocca.
Ggiú er bicchiere, e iggnottite quer boccone,
Ché nun ze bbeve cor boccone in bocca.

Eh cciancica, te pijji una saetta!
Nun inciaffà, ingordaccio bbuggiarone...
E la sarvietta? porco; e la sarvietta?

31 agosto 1835

Questa poesia è stata letta 655 volte