Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

RIFRESSIONE IMMORALE SUR CULISEO

Giuseppe Gioacchino Belli

St’arcate rotte c’oggi li pittori
Viengheno a ddiseggnà cco li pennelli,
Tra ll’arberetti, le crosce, li fiori,
Le farfalle e li canti de l’uscelli,

A ttempo de l’antichi imperatori
Ereno un fiteatro, indove quelli
Curreveno a vvedé li gradiatori
Sfracassasse le coste e li scervelli.

Cqua llòro se pijjaveno piascere
De sentí ll’urli de tanti cristiani
Carpestati e sbranati da le fiere.

Allora tante stragge e ttanto lutto,
E adesso tanta pasce! Oh avventi umani!
Cos’è sto monno! Come cammia tutto!

4 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 349 volte