Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se l’è vvorzúta lui: dunque su’ danno.
Io me n’annavo in giú pp’ er fatto mio,
Quann’ ecco che l’incontro, e jje fo: «Addio». Lui passa, e mm’arisponne cojjonanno.

Dico: «Evviva er cornuto;» e er zor Orlanno
(N’è ttistimonio tutto Bborgo-Pio)
Strilla: «Ah ccaroggna, impara chi ssò io;»
E ttorna indietro poi come un tiranno.

Come io lo vedde cor cortello in arto,
Co la spuma a la bbocca e ll’occhi rossi
Cúrreme addosso pe vvení a l’assarto,

M’impostai cor un zercio e nnun me mossi.
Je fesci fà ttre antri passi, e ar quarto
Lo pres’in fronte, e jje scrocchiorno l’ossi.

4 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 964 volte