Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PROGGNOSTICO DE LA SORA TECRA

Giuseppe Gioacchino Belli

Lui ggiovene, e llei ggiovene: lui bbello,
E llei bbella: lui scàpolo e llei puro:
L’uno e ll’antra de casa mur’a mmuro:
Tutt’ e ddua un po’ mmatti in ner cervello:

Lui cantava jjerzéra un ritornello,
E llei s’affacciò ssubbito a lo scuro: ...
Via, s’appiccicheranno de sicuro:
Io me sce ggiucherebbe er filarello.

Ma co nnoi? Fijja, ne sapémo troppo.
L’omo accant’a la donna è una fornasce
In ner mezzo a la porvere da schioppo.

Ce vò antro a impidí cche mmadr’ e ppadri!
Femmine e mmaschi sgrinfieranno in pasce
Sin c’a sto monno sce saranno ladri.

5 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 300 volte