Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA CREMENZA MINCHIONA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ch’er Papa, co l’annà ttanto bberbello
Contr’a li ggiacubbini de la setta,
Se possi conzervà Rroma soggetta,
Ciò le mi’ gran difficortà, ffratello.

Eh ssi ffuss’io, pe cquanto?, pe un’oretta
Governator de Roma e bbsariscelle,
Vederebbe oggni suddito ribbello
Cosa se chiama ar monno aspra vennetta.

’Na bbrava manettata lesta lesta,
Un proscessaccio, e, appena condannati,
Sur carretto, e ppoi subbito la testa.

E ppe incúte a la setta ppiú ppavura,
Doppo avelli accusí gghijjottinati
Je darebbe una bbona impiccatura.

6 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 448 volte