Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che ffa la madre de quer gran colosso
Che ppotava il Re cco la serecchia?
Campa de cunzumè, nnun butta un grosso,
Disce ui e nnepà, sputa e sse specchia;

Sta ssopr’a un canapè, ppovera vecchia,
Impresciuttita llí ppeggio d’un osso;
E ha ppiú ccarne sto gatto in d’ un’ orecchia
Che ttutta quella che llei porta addosso.

A ccolori è er ritratto d’un cocommero
Sano: un stinco je bbatte co un ginocchio;
E ppe’ la vita è diventata un ggnommero.

Cala oggni ggiorno e vva sfumanno a occhio.
Semo all’ammèn-Gesú: ssemo a lo sgommero:
Semo all’urtimo conto cor facocchio.

8 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 337 volte