Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nò, vveh, ccristiani, nun è vvero mica
Che ppe ubbidí cce vò ttanta pazienza.
È un gran riposo all’omo l’ubbidienza;
E ppe cquesto in ner monno è ccusí antica.

Ma ssentite, ch’Iddio ve bbenedica,
Che bbella verità: er Zovrano penza,
E er zúddito esiguissce; e in conzeguenza
Oggnuno fa ppe ssé mmezza fatica.

E a cchi de noi saría venuto in testa
De pagà la dativa ariddoppiata
Si er Papa nun penzava puro questa?

Un essempio e ffinisco. Ar teatrino
Chi la sostiè la parte ppiú ssudata?
Dite, er burattinaro o er burattino?

12 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 1295 volte