Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Nu lo capisco io sto verba vòla:
Nun me piàsceno a mmé sti bbiribbissi.
Li Papi hanno da dí: cquo ddissi, dissi
Li Papi hanno da èsse de parola.

Se sprofonnassi er celo in ne l’abbissi,
Una promessa, una promessa sola
L’ha (scappata che jj’è ffor de la gola)
Da inchiodà ccom’ e ttanti croscifissi.

Ecco llí Cchiaramonti: ecco er modello.
Ner momento d’annà in deportazzione
Cosa disse a li preti a lo sportello?

«Io parto aggnello e ttornerò lleone.»
Defatti accusí ffu. Cquer bon aggnello
Partí ggranello e rritornò ccojjone.

12 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 305 volte