Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA ZITELLA AMMUFFITA

Giuseppe Gioacchino Belli

È inutile pe mmé, ssora Nunziata,
De dimannamme si mme faccio sposa.
Io nun zò Llutucarda, io nun zò Rrosa,
Per èsse bbenvorzúta e ariscercata.

Pe mmé ppovera mmerda è un’antra cosa.
Nun me sò inzin’ adesso maritata,
E ccreperò accusí; perch’io sò nnata
Sott’a cquella stellaccia pidocchiosa.

Ciarlàveno der coco; ma ssu cquello
Nun c’è vverzo da facce capitale:
Sta ppiú fforte der maschio de Castello.

Bbasta, aspettamo un po’ sto carnovale,
Si ccapitassi quarche scartarello:
Lassàmo fà ar Ziggnore e a ssan Pasquale.

13 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 454 volte