Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

E accusí? ggrazziaddio, sora Susanna,
L’avemo arzata poi la trippettona?
Che la bbeata Vergine e ssant’Anna
Ve protegghino, e ssia coll’ora bbona.

E in che lluna mó state? Ah, in de la nona.
Eh, ar véde, si la panza nun inganna,
Pare che nun dev’èsse una pissciona,
Ma ssarà arfine quer ch’Iddio ve manna.

Ve la sentite in corpo la cratura?
Dunque bboni bbocconi, e ccamminate;
E llassate fà er resto a la natura.

Ggnente: tutte ssciocchezze. Voi penzate,
Pe llevàvve da torno la pavura
Quante prima de voi sce sò ppassate.

15 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 1202 volte