Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come sarebbe?! Ho da cacà un maschiaccio?
Oh ddio, commare mia, nun me lo dite;
Che sti maschiacci sò le calamite De li guai.
Nò, ppiuttosto io nu lo faccio.

Io so cche cquanno lo tienessi in braccio
Ggià ccredería vedello attaccà llite,
Ggià schiccherasse ggiú cquante acquavite
Cià ppadron Carlandrea drent’a lo spaccio.

’Na femminuccia armanco, poverella,
Quanno me la mannassi la Madonna
Io me l’alleverebbe a mmollichella.

Un omo spesso spesso v’arimane
Senz’arte e ssenza parte; ma una donna
Sa ssempre come guadammiasse er pane.

15 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 1227 volte