Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’AMORE DE LI MORTI

Giuseppe Gioacchino Belli

A sto paese tutti li penzieri,
Tutte le lòro carità ccristiane
Sò ppe li morti; e appena more un cane
Je se smoveno tutti li bbraghieri.

E ccataletti, e mmoccoli, e incenzieri,
E asperge, e uffizzi, e mmusiche, e ccampane,
E mmesse, e ccatafarchi, e bbonemane,
E indurgenze, e ppitaffi, e ccimiteri!...

E intanto pe li vivi, poveretti!,
Gabbelle, ghuijjottine, passaporti,
Mano-reggie, galerre e ccavalletti.

E li vivi poi-poi, bboni o ccattivi,
Sò cquarche ccosa mejjo de li morti:
Nun fuss’antro pe cquesto che ssò vvivi.

19 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 1116 volte