Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che bber ttruttrú! Oh ddio mio che cciammellona!
Nò, pprima fate servo a nnonno e zzio.
Fàteje servo, via, sciumàco mio,
E ppoi sc’è la bbebbella e la bbobbòna.

Bbravo Pietruccio! E ccome fa er giudío?
Fa aéo? bbravo Pietruccio! E la misciona?
Fa ggnào? bbravo Pietruccio! E cquanno sona?
Fa ddindí? bbraavo! E mmó, ddove sta Iddío?

Sta llassú? bbraavo! Ebbè? e la pecorella?
Fate la pecorella a zzio e nnonno,
Eppoi sc’è la bbobbòna e la bbebbella.

Ôh, zzitto, zzitto, via: nòo, nnu la vònno
Eccolo er cavalluccio e la sciammella...
Eh, sse stranissce un po’, mma è ttutto sonno.

20 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 666 volte