Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Vièttene a la finestra, o ffaccia bbella,
Petto de latte, bbocca inzuccherata,
Ch’io te la vojjo fà la serenata,
Te la vojjo sonà la tarantella.

Presto, svéjjete e affàccete, Nunziata;
E ppenza ch’ er tu’ povero Chiumella
Dorme sempre all’arbergo de la stella,
Fora de la tu’ porta appuntellata.

Perché mme vòi lassà ttutta la notte
A ssospirà cquaggiú ccom’un zoffietto,
Bbianco come la neve e le ricotte?

Tutti l’ommini adesso stanno a lletto:
Tutte le fiere stanno in ne le grotte:
Io solo ho da restà ssenza riscetto!

25 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 976 volte