Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA FAMIJJA POVERELLA

Giuseppe Gioacchino Belli

Quiete, crature mie, stateve quiete:
Sí, ffijji, zitti, ché mmommó vviè ttata.
Oh Vvergine der Pianto addolorata,
Provedeteme voi che lo potete.

Nò, vvisscere mie care, nun piaggnete:
Nun me fate morí ccusí accorata.
Lui quarche ccosa l’averà abbuscata,
E ppijjeremo er pane, e mmaggnerete.

Si ccapíssivo er bene che ve vojjo!...
Che ddichi, Peppe? nun vòi stà a lo scuro?
Fijjo, com’ho da fà ssi nun c’è ojjo?

E ttu, Llalla, che hai? Povera Lalla,
Hai freddo? Ebbè, nnun méttete llí ar muro:
Viè in braccio a mmamma tua che tt’ ariscalla.

26 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 453 volte