Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

UN FATTARELLO CURIOSO

Giuseppe Gioacchino Belli

La padroncina mia da un mese e ppiú
Sgrinfiava cor un certo petimè,
E spesso lo fasceva vení ssú
De sera, e lo serrava in d’un retrè.

Che ssuccede! La madre, c’ancor’ è
Tosta lei puro e in mezza ggiuventú,
S’ accorge de sti lòro tettattè
E de sti lòro imbrojji a ttu pper tu.

Che ffa! Una sera che llui stava llí,
Pijja un scanzo, e a lo scuro se ne va
Ner cammerino a ffàsse bbenedí.

Finarmente la fijja annò de llà,
E inzomma, senza che vve stii ppiú a ddí,
In ner zu’ logo ssce trovò mmammà.

26 settembre 1835

Questa poesia è stata letta 515 volte