Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Rïecco er lume c’aripiaggne er morto!
Eppuro è ojjo vecchio, è ojjo fino:
Ce n’è ito un quartuccio da un carlino;
E da quann’arde nun pò èsse scorto.

Come diavolo mai! pare un distino.
Uhm! sarà ll’aria ummida dell’orto;...
Eh sse smorza sicuro: oh ddàjje torto:
Nun vedete? È ffinito lo stuppino.

Che ffijjaccia c’ho io! manco è ccapasce
D’aggiustà ddu’ bboccajje! eh? sse ne ponno
Sentí de peggio? Aló, cqua la bbammasce.

E da stasera impoi, ggià vve l’ho ddetto,
Vojjo un lume de ppiú ffin che sto ar monno,
E una torcia de meno ar cataletto.

1 ottobre 1835

Questa poesia è stata letta 267 volte