Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Pfch: mamma, oh mamma. – Ahó. – Mmamma. –
Pijjateme la pippa accapalletto, Che hai? –
E sporgeteme ggiú ppuro un papetto. –
E sto papetto mó cche tte ne ffai? –

E a vvoi che vve ne preme de sti guai?
Voi abbadate a ffà cquer che vv’ho ddetto,
E nun state a sfassciamme er ciufoletto. –
Dímme armeno a cquest’ora indove vai. –

Dove me pare. – Ah Nnino!... – Ôh, pprincipiamo. –
Ma fijjo!... – Ebbè, vvado a mmaggnà la trippa. –
E cco cchi? – Cco li zoccoli d’Abbramo. –

Ggià annerai co le solite zzaggnotte... –
Ma inzomma, sto papetto co sta pippa? –
Eccolo. E cquanno torni? – Bbona notte.

4 ottobre 1835

Questa poesia è stata letta 910 volte