Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Eccome qua da lei, sor delegato:
vengo per l'omicidio ch'è successo.
Io so' Pasquale Teppi: lo confesso,
so' stato propio io che l'ho ammazzato.

Me so' costituito solo adesso
pe' via che jeri m'hanno intervistato,
e avevo da parlà co' l'avvocato
pe' famme la difesa ner processo.

Ho scritto la rettifica ar giornale:
mó sto tranquillo... Eppoi legga l'articolo
quarantasei der Codice Penale:

lo vede? È chiaro! Data la questione,
me posso mette, se nun c'è pericolo,
completamente a sua disposizzione.

II

Qual'è stato er movente der delitto?
Come sarebbe a di'? quale movente?
Io, pe' me tanto, nun movevo gnente
se l'ammazzato fosse stato zitto.

Domani, ne la lettera ch'ho scritto,
je spiego l'omicidio chiaramente,
e lei ch'è una persona inteliggente
dirà se stavo o no ner mio diritto.

Perfino l'avvocato me consija
de confessà sinceramente er fatto
perché me sarva un vizzio de famija:

nonno beveva, nonna più de lui,
mi' padre, poveretto, è morto matto,
mi' madre era epilettica: per cui...

III

Co' questo sto a cavallo, è indubbitabbile;
più c'è un perito de frenologgia
ch'ha già trovato su la faccia mia
li segni d'un carattere eccitabbile.

Perché ciò l'osso in fòra, l'occhio stabbile,
la fronte bassa che me scappa via...
Tutto un assieme de fisonomia
che c'è nell'omo semi-responsabbile.

cór una prova in mano come questa
dimostro che so' nato delinquente
pe' la conformazzione de la testa:

e s'ho mannato un omo all'antro monno
la corpa è tutta quanta dipennente
da quele sborgne che pijava nonno.



Questa poesia è stata letta 1265 volte