Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Io nun zo ccosa v’annate scercanno
Co l’arzà ttutt’er giorno tanti pesi.
Nun zapete che state in zette mesi?
Ve volete sconcià ccome l’antr’anno?

Ggià ssete avvezza in quell’antri paesi
Dove se porta lo spadino e ‘r panno;
Ma cqui ccerte fatiche nun ze fanno:
Ccqua nnoi semo romani e nnò arbanesi.

Quest’aria nun è aria da villani.
Noi nun zemo facchini, io ve l’ho ddetto:
Noi pe ggrazia de Ddio semo romani.

Er crima nostro è un crima bbenedetto
Indove oggi te scarmi? ebbè ddomani
Sta’ ppuro scerta che tte metti a lletto.

19 ottobre 1835

Questa poesia è stata letta 557 volte