Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ma eh? Cquer povero avocato Cola!
Da quarche ttempo ggià ss’ era ridotto
Che ssí e nnò aveva la camiscia sotto,
E jje toccava a ggastigà la gola.

Ma piuttosto che ddí cquela parola
De carità, piuttosto che ffà er fiotto,
Se venné tutto in zette mesi o otto,
For de l’onore e dd’una ssedia sola.

Mó un scudo, mó un testone, mó un papetto,
Se maggnò, ddisgrazziato!, a ppoc’ a poco
Vestiario, bbiancheria, mobbili e lletto.

E ffinarmente poi, su cquela ssedia,
Senza pane, senz’acqua e ssenza foco,
Ce serrò ll’occhi e cce morí dd’inedia.

8 novembre 1835

Questa poesia è stata letta 1042 volte