Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI CONTI CO LA CUSSCENZA

Giuseppe Gioacchino Belli

Da un par de mesi in qua sto sor Giuanni
Me dà gguai e mme scoccia li cojjoni.
Dunque bbisognerà cche lo bbastoni;
E cquasi quasi è mmejjo che lo scanni.

A nnoi. Quant’anni ha er Papa? Ha ssettant’anni.
Va bbene: è vvecchio. Settant’anni bboni
Sò un passaporto pell’ antri carzoni,
Tanto ppiú ssi ssò uniti anni e mmalanni.

Tempo, amico. Per ora te sopporto;
Ma ssi er Papa dà ggiú, ddove te trovo
Te lasso freddo. Er conto è ccorto corto.

Meno, scappo, sò ppreso, er Papa more,
Viè er concrave, se crea er Papa novo,
Fa le ggrazzie, e mme n’esco con onore.

10 novembre 1835

Questa poesia è stata letta 308 volte