Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LO SPIAZZETTO DE LA CORDA AR CORZO

Giuseppe Gioacchino Belli

Prima la corda ar Corzo era un supprizzio
Che un galantomo che l’avessi presa
Manco era bbono ppiú a sserví la cchiesa,
Manco a ffà er ladro e a gguadaggnà ssur vizzio.

Finarmente li preti, c’hanno intesa
La raggione, in quer po’ de frontispizzio
Ce fanno arzà una fetta de difizzio;
Ma cchi ll’arza, pe mmé, bbutta la spesa.

Come se pò ttrovà ggente bbalorda
Che vvojji mette er letto indove un giorno
Passava propio er trave co la corda?

A mmé mme parerebbe a un bon bisoggno
De vedemme oggni sempre er boja attorno,
E cqueli laggni de sentilli in zoggno.

12 novembre 1835

Questa poesia è stata letta 338 volte