Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Era un ber pezzo che je stava appresso,
poi, furbo, cià mannato la sorella:
subbito su' Eccellenza, ner vedella,
ha firmato er decreto e ce l'ha messo.

Se tu vôi avé l'impiego fa' lo stesso,
Checco, da' retta a me, mannece a quella
senza er canale d' una donna bella
resterai sempre a spasso come adesso.

Nun c'è decoro? Che minchioneria!
Ma, scusa, quanno dichi l'orazzione
co' che cominci? Co' l'Avemmaria;

a chi t'ariccommanni? A la Madonna:
dunque perfino ne la religgione
bisogna avé l'appoggio de la donna!

II

Quanno c'è la donnetta che lavora
va tutto a vele gonfie ch'è un piacere:
er sor Angelo, infatti, è cavajere,
ma a chi lo deve? Tutto a la signora.

Perché er ministro che ce stava allora
annava a casa sua tutte le sere...
Eh, se lui nun cascava dar potere,
che sarebbe er sor Angelo a quest'ora!

Ma lei nun se scoraggia e j'ha promesso
de faje cresce l'onorificenza
sotto ar ministro ch'hanno fatto adesso:

defatti già comincia a strofinasse...
Però resta a vedé se a su' Eccellenza
je vanno a genio le signore grasse.



Questa poesia è stata letta 806 volte