Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER TEMPO DE FRANCESI

Giuseppe Gioacchino Belli

Un po’ ppiú cche ddurava Napujjone
Co quell’ antri monzú scummunicati,
Roma veniva a ddiventà Ffrascati,
Schifanoia, o Ccastel-Formicolone.

E ssedute, e ddemanio, e ccoscrizzione,
Ggiuramenti a li preti e a l’avocati,
Carc’in culo a le moniche e a li frati,
Case bbuttate ggiú, cchiese a ppiggione...

Li monziggnori in Corzica o a Ssan Leo:
Li vescovi oggni sempre sur pitale
Pe la paura de cantà er Tedèo:

Er Papa a Ffontebbrò: Mmontecavallo Vòto;
San Pietro vòto; e un cardinale
Nun lo trovàvio ppiú mmanco a ppagallo.

8 febbraio 1836

Questa poesia è stata letta 505 volte