Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BENE DER MONNO

Giuseppe Gioacchino Belli

’Ggni po’ de bbene a nnoi ggentaccia bbassa
Ce pare un paradiso a ccel zereno:
Ma a li siggnori, pòi fàjjela grassa
Quanto te pare, è ssempre zzero e mmeno.

Tu ssai la differenza che cce passa,
Muccio, da un fiasco vòto a un fiasco pieno.
Là ssona un fil de vin che cce se lassa;
E cqua un bucale nun fiata nemmeno.

Piú le ggente sò ggranne, e ppiú a le ggente
Je s’ aristriggne er monno. A li sovrani,
A cquelli poi je s’aridusce a ggnente.

Pe un re ‘ggni novo acquisto, iggni tesoro,
È cquer de prima. Sti bboni cristiani
Se credeno pe ttutto a ccasa lòro.

14 marzo 1836

Questa poesia è stata letta 1020 volte