Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZETTÀRIO CONDANNATO

Giuseppe Gioacchino Belli

Sí, è mmale de somaro e ccavalletto!
Lui era scritto a una settaccia occurta
E ppe cquesto er Governo nu l’inzurta,
Je fa una grazzia a ffuscilallo in petto.

Sarvallo?! e ccome? Io, Momo, te l’ho ddetto.
Si aveva modo de pagà una murta,
Via, tanto e ttanto la Sagra
Conzurta L’averebbe trovato er vicoletto.

Ma un omo senza un zanto che l’ajjuti,
Un disperato che nun cià un quadrino
Lo condanneno tutti li statuti.

oi, se fuscila in de la schina, Momo?
Fuscilannolo in petto, anche assassino
Pò ddí cche vva a mmorí da galantomo.

26 marzo 1836

Questa poesia è stata letta 1203 volte