Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PANTOMÍNA CRISTIANA

Giuseppe Gioacchino Belli

Quanno er popolo fa la cummuggnone
Er curioso è lo stà in un cantoncino
Esaminanno oggnuno da viscino
Come asterna la propia divozzione.

Questo opre bbocca e cquello fa er bocchino,
Chi sse scazzotta e cchi spreme er limone,
Uno arza la capoccia ar corniscione
E un antro s’inciammella e ffa un inchino.

E cchi spalanca tutt’e ddua le bbraccia:
Chi ffa ttanti d’occhiacci e cchi li serra:
Chi aggriccia er naso e cchi svorta la faccia.

Ggiaculatorie forte e ssotto-vosce,
Basci a la bbalaustra e bbasc’ in terra,
Succhi de fiato e ssegni de la crosce.

30 marzo 1836

Questa poesia è stata letta 814 volte