Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sor botteghino mio, me so' insognata
un mostro nero, brutto, puzzolente,
che me sartava addosso, e lì presente
c'era mi' nonna e c'era mi' cognata.

Io tutt'impavurita e spaventata
cercavo de scappà, ma in quer tramente
m'è preso, sarvognuno, un accidente,
m'è amancata 'na cianca e so' cascata.

Er mostro m'ha aggranfiato co' 'n artijo
e m'ha portato in mezzo a l'antri mostri...
Vojo giocà: che nummeri ce pijo?
— 50 er mostro che ve porta via.
47 li parenti vostri,
32 l'accidente che ve pîa.



Questa poesia è stata letta 2139 volte