Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Prima

Me faccia dà' 'sta croce! È da l'antr'anno
che ciò provato in tutte le maniere:
invece l'hanno data ar pasticcere,
e a me, nun so perché, nun me la dànno!

Se n'incarichi lei, faccia er piacere;
nun ciò benemerenze? Eh, va cercanno!
Oggiggiorno li meriti che fanno
per uno che dev'esse cavajere?

Quarche benemerenza nazzionale
ce l'ho, pe' via, ch'assieme a mi' fratello,
venno le caciottelle ar Quirinale.

E pe' de più ciò puro mi' cuggina
ch'è fija de la socera de quello
ch'accommoda le scarpe a la Reggina.

II

Doppo

Che cavajere e che cavajerato!
Ma chiameme Giggetto, tira via!
Me cianno fatto, ma pe' parte mia
io nun ce n'ho né corpa né peccato.

Fra l'antre cose, m'hanno nominato
de moto-propio der sovrano: ossia
è quanno ar Re je viè la fantasia
senza che l'antri ciabbino pensato.

Parlanno cór ministro j'avrà chiesto:
— Conosce Giggi Trappola er caciaro?
È un bravo negozziante, è un omo onesto...

E forse, ripensanno a le caciotte,
ha preso carta, penna e callamaro,
m'ha fatto cavajere e bona notte.



Questa poesia è stata letta 1178 volte