Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MISERERE DE LA SITTIMANA SANTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Tutti l’ingresi de Piazza de Spaggna
Nun hanno antro che ddí ssi cche ppiascere
È de sentí a Ssan Pietro er miserere
Che ggnisun istrumento l’accompaggna.

Defatti, cazzo!, in ne la gran Bertaggna
E in nell’antre cappelle furistiere
Chi ssa ddí ccom’ a Rroma in ste tre ssere
Miserere mei Deo sicunnum maggna?

Oggi sur maggna sce sò stati un’ora;
E ccantata accusí, ssangue dell’ua!,
Quer maggna è una parola che innamora.

Prima l’ha ddetta un musico, poi dua,
Poi tre, ppoi quattro; e ttutt’er coro allora
J’ha ddato ggiú: mmisericordiam tua.

31 marzo 1836

Questa poesia è stata letta 560 volte