Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA BBENEDIZZIONE DER ZÀBBITO SANTO

Giuseppe Gioacchino Belli

È vvenuto, è vvenuto er zor Curato
A bbenedí la casa; e de raggione
Me s’è ppreso er papetto che jj’ ho ddato,
Come fussi un acconto de piggione.

Nun zo, ppare che un prete conzagrato
A cquer papetto o ppavolo o ttestone
Avessi da strillà: «Llei s’ è sbajjato:
Noi nun vennémo le bbenedizzione».

La cosa annería bbene, si nnoi fossimo
L’acquasantàri; ma li preti, Aggnesa,
un zò ccapasci a ffà un inzurto ar prossimo.

Pe cquello che sso io, nun c’è mmemoria
De ste risposte agre; e ppe la
Cchiesa Tutti li sarmi finischeno in groria.

2 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 1050 volte