Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA REGAZZA IN FRESCO

Giuseppe Gioacchino Belli

Eh, ttu nu li conoschi li mi’ guai:
Si ssospiro sospiro co rraggione.
Nun zai che dda scinqu’ anni quer birbone
Me tiè ssempre in parola? eh, nu lo sai?

E sta’ cquieta, e ddà ttempo, e vvederai,
E adesso è ttroppa calla la staggione,
E mmó nnun ze guadaggna... In concrusione
Sta ggiornata de ddio nun spunta mai.

E accusí sse va avanti: aspetta, aspetta,
Oggi e ddomani, oggi e ddomani, e ancora
Me dà er bon beve e mme porta in barchetta.

Mó avémio da sposà ppe ottobbre, e cquanno
Fóssimo ar fin d’agosto, scappò ffora
A cchiède un’antra pròloga d’un anno.

2 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 348 volte