Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Te vojjo dí una cosa in confidenza;
Maa!... mme capischi? – Me fo mmaravijja.
Pe ssegretezza io? che! ssò Cciscijja?
Oh, in quant’a cquesto poi, pe la prudenza... –

Bbe’, ddunque hai da sapé cc’ oggi Vincenza
Scerca a nnòlito un letto pe la fijja. –
Ah? la fa sposa?! E cchi ppijja? chi ppijja? –
Eh un ciocco grosso: un facchin de credenza. –

Ohò! ttutti sti fumi finarmente
Sò iti a svaporà cco un facchinaccio? –
Ma ddunque tu nun zai? – No, nnun zo ggnente. –

Quela regazza... è un po’ pproggiudicata...
Abbasta, io je sò amica, e ssi tte faccio
Sti discorzi... – Eh cche ddubbi! Oh, addio, Nunziata.

3 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 354 volte