Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ar momento c’ un omo se fa pprete
Sto prete è un omo ggià ssantificato;
E cquantunque peccassi, er zu’ peccato
Vola via com’ un grillo da una rete.

Er dí ssanto a cchi pporta le pianete
È ccome er carcerà cchi è ccarcerato,
Come scummunicà un scummunicato,
Com’er dí a cquattro ladri: «In quanti sete?».

Certe cose la ggente ricamata
Nu le capissce, e ffra nnoantri soli
Se pò ttrovà la verità sfacciata.

Sortanto da noantri stracciaroli
Se sa cchi è un prete. La crasse allevata
Pijja sempre li scesci pe ffascioli.

3 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 454 volte