Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VEDOVA DER ZERVITORE

Giuseppe Gioacchino Belli

Sto nné in celo né in terra, Madalena.
Ciarle quante ne vòi, bbone parole...
Ciò rrimesso a cquest’ora un par de sòle,
E cch’ho avuto? un testone ammalappena.

Sai chi ccrede a le lagrime? Chi ppena.
Sai chi ppenza ar malanno, eh? Cchi jje dole;
Ma nnò chi è ggrasso, nò cchi ha rrobba ar zole,
Nò cchi ss’abbòtta a ppranzo e ccrepa a ccena.

Doppo tant’anni de servizzio! un vecchio,
Siggnor Iddio, che l’ha pportato in braccio!
Uno che jj’era ppiú cc’un padre! Un specchio

D’onestà!... Eppuro a un omo de sta sorte
Je se fa cchiude l’occhi s’ un pajjaccio
Senza una carità ddoppo la morte!

3 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 341 volte