Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Merito dite? eh ppoveri merlotti!
Li quadrini, ecco er merito, fratelli.
Li ricchi soli sò bboni, sò bbelli,
Sò ggrazziosi, sò ggioveni e ssò ddotti.

A l’incontro noantri poverelli
Tutti schifenze, tutti galeotti,
Tutti deggni de sputi e de cazzotti,
Tutti cucuzze in càmmio de scervelli.

Fa’ ccomparí un pezzente immezzo ar monno:
Fussi magàra una perla orientale,
«Presto cacciate via sto vagabbonno.»

Tristo chi sse presenta a li cristiani
Scarzo e ccencioso. Inzíno pe le scale
Lo vanno a mmozzicà ppuro li cani.

3 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 665 volte