Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MOLLICHELLA A GGALLA

Giuseppe Gioacchino Belli

Ohé, llassa er lavore, Fidirica,
E vviè un momento cqua, ffamme er piascere.
Viè a vvede sto pezzetto de mollica
Che bber giuchetto fa ddrent’ ar bicchiere.

Quann’ è immezzo se move co ffatica
Come fussi una dama o un cavajjere;
Ma appena arriva accost’ ar vetro, amica!,
Se mette a ggaloppà ccom’ un curiere.

Zitta, sta’ attenta mó: gguarda che ffiacca!
Occhi a la penna veh!... mmó vva ppiú fforte...
Ecco!... l’hai visto, di’, ccome s’attacca?

Sto sciníco de pane che ss’ è mmosso
Nun paro tutto io, pasciocca mia,
Quanno ar vedette me t’affiaro addosso?

4 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 324 volte