Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

AR ZOR ABBATE BBONAFEDE

Giuseppe Gioacchino Belli

Dite ch’è rraro ppiú cc’a vvince un terno
Che un pover’omo che mmore ammazzato
Nun ze trovi coll’ anima in peccato
E nnun scívoli ggiú ddritto a l’inferno.

A l’incontrario er reo che ll’ ha scannato
E mmore pe le mano der governo,
È cquasi scerto com’ adesso è inverno
Che ttrova er paradiso spalancato.

Sarà ddunque curiosa all’antro monno
Che cchi de cqua ha pportato er proggiudizzio
Se vedi a ggalla, e cchi ll’ha avuto, a ffonno.

Sarà ccuriosa ar giorno der giudizzio
Che er primo stii tra ll’ angioli, e ’r ziconno
Cor diavolo che vv’entri in quer zervizzio.

5 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 501 volte