Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

I

Che credi tu? Ch'a le rivoluzzioni
fussero carbonari per davero,
cór sacco su le spalle e er grugno nero?
Ma che! È lo stesso de li frammassoni.

So' muratori, sì, ma mica è vero
che te vengheno a mette li mattoni!
Loro so' muratori d'opinioni,
cianno la puzzolana ner pensiero.

Tutta la mano d'opera se basa
ner demolì li preti, cór proggetto
de fabbricaje sopra un'antra casa.

Pe' questo so' chiamati muratori
e er loro Dio lo chiameno Architetto...
Ma poco più j'assiste a li lavori!

II

E siccome er Dio loro è libberale,
ma gira gira è sempre er Padreterno,
ne viè ch'er frammassone va ar governo,
ce trova er prete e ce rimane eguale.

Se sa, l'ambizzioncella personale
je strozza spesso er sentimento interno:
è un modo de pensà tutto moderno
e in questo nun ce trovo 'sto gran male.

Se er frammassone cià li tre puntini,
er prete cià er treppizzi, e m'hai da ammette
che armeno in questo qui je s'avvicini;

vedrai che troveranno la maniera
de sarvà capra e cavoli cór mette
un puntino per pizzo e... bona sera!



Questa poesia è stata letta 1146 volte