Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ah, ddunque, pperché nnoi nun negozziamo
E nnun avémo manco un vaso ar zole,
Lei vorebbe conchiude in du’ parole
Che le gabbelle noi nu le pagamo?

Le pagamo sur pane che mmaggnamo,
Sur panno de le nostre camisciole,
Sur vino che bbevémo, su le sòle
De le scarpe, e sull’ojjo che llogramo

Le pagamo, per dio, su la piggione,
Sur letto da sdrajacce, e su li stijji
Che ssèrveno a la nostra professione.

Le pagamo (e sta vergna è la ppiú ddura)
Pe ppijjà mmojje e bbattezzà li fijji
E pper èsse bbuttati in zepportura.

5 aprile 1836

Questa poesia è stata letta 403 volte