Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER CEROTO DE PAPA GRIGORIO

Giuseppe Gioacchino Belli

O pp’ er troppo tabbacco, oppuro a ccaso,
O ppe cquarche mmotivo ppiú ppeggiore,
Fatt’ è cch’è un anno c’a Nnostro Siggnore
Je s’ è appollato un canchero in ner naso.

Lui sce teneva un cerotin de raso;
Ma mmó Ssu’ Maestà l’Imperatore
J’ha spidito da Vienna un professore,
Che nun ne pare troppo apperzuaso.

Sto scirusico novo, ch’ è un todesco,
J’ha ddetto: «Padre Santo, pe sti mali
Ce vò aria, riposo e vvino fresco».

Sentite ch’ ebbe er Papa ste parole,
Rispose: «Bbravo, de tanti animali
Lei solo sci toccò ddove sci dole».

15 ottobre 1836

Questa poesia è stata letta 433 volte