Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

CHI FFA, ARISCÉVE

Giuseppe Gioacchino Belli

Saulle dunque, in nome der Ziggnore,
Scannò inzino le crape e le vitelle;
Ma, o ffussi pe avarizzia o ppe bbon core,
Prese er re Agaggo e jje sarvò la pelle.

E ecchete er profeta Samuelle
Che lo chiama idolatro e ttraditore,
E jj’ intíma ch’er reggno d’Isdraelle
Passerà a un zu’ viscino ppiú mmijjore.

Poi disce: «Indov’ è er Re, cche ttu ssarvassi?»
E ’r poverello je se fesce avanti,
Tremanno peggio de li porchi grassi.

Allora Samuelle, a ddenti stretti,
Je disse: «Mori;» e in faccia a ttutti quanti
Arzò un marraccio e lo tajjò a pezzetti.

29 ottobre 1836

Questa poesia è stata letta 1377 volte