Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER RITORNO DA CASTERGANDORFO

Giuseppe Gioacchino Belli

Circa a vventitré e un quarto er Padre Santo
S’affermò a bbeve a Ttor-de-mezza-via;
Poi rimontò in carrozza e ffesce intanto:
«Sú, ggiuvenotti, aló, ttiramo via».

Me crederai, si tt’aricconto in quanto
Arrivò a Rroma? Ebbè, a la vemmaria
Già stava a ccasa e sse tieneva accanto
Er zolito bbucal de marvasia.

Era tanto quer curre scatenato
C’a Pporta San Giuvanni lo pijjorno
Per un Zommo Pontescife scappato.

E mmó averessi da vedello adesso
Come ride ar zentí cquanti in quer giorno
Pissciorno sangue pe ttenejje appresso.

31 ottobre 1836

Questa poesia è stata letta 312 volte