Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE GABBELLE DE LI TURCHI

Giuseppe Gioacchino Belli

Un tar munzú Ccacò, cch’è un omo pratico
E Ddio solo lo sa cquanti n’ha spesi
Pe vviaggià ddrent’ar reggno musurmatico
Dove nun ce commanneno Francesi,

Ricconta che in sti bbarberi paesi
’Ggni sei mesi sc’è un uso sbuggenzatico
Che sse paga sei mesi de testatico
Pe pprologà la vita antri sei mesi.

Dunque disce er Francese che ssiccome
Ar Governo der Papa indeggnamente
Nun j’amanca de turco antro ch’er nome,

C’è ggran speranza che jje vienghi in testa
De mette sopra er fiato de la ggente
’Na gabbella turchina uguale a cquesta.

19 novembre 1836

Questa poesia è stata letta 305 volte