Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

MASTRO GRESPINO II

Giuseppe Gioacchino Belli

Larghi sti bbordacchè?! Llavoro a ttanti
E oggnuno li vò ggranni ppiú de quelli.
Quanno lei commannava du’ bbudelli,
Sor Conte mio, poteva dillo avanti.

Questi ar meno je vanno com’e gguanti
Senza che cce se sforzi e ss’appuntelli:
Nun c’è ar meno bbisoggno de mettelli
A ffuria de sapone e de tiranti.

Nu la sente che ppasta de gammàle.
La prim’acqua che vviè cquesto aritira;
E, ssi strozza, o nun j’entra o jje fa mmale.

Carzi commido, carzi: er tropp’è ttroppo.
Eppoi pe ffà er piedino se sospira
Co li calli e ssoprossi e sse va zzoppo.

30 novembre 1836

Questa poesia è stata letta 344 volte