Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come va, ssor Loreto? – Sempre male:
Pòi bbuttamme per terra cor un déto. –
Ma, in sostanza, c’avete? – Eh, lo spezziale
Disce ch’è un male che sse chiama abbèto. –

Ve dà ffastidio de salí le scale? –
Antro si mme lo dà! cce cò l’asceto. –
Ebbè, affare de nerbi, sor Loreto,
Tutt’affetto der tempo. E a lo spedale
Ce séte stato? – A mmé?! ddimme cojjone!
Nun zai c’a lo spedale sce se more? –
Avete mille e ppoi mille raggione.

Lassate fà, lassate fà ar Ziggnore;
E vvederete a la bbona staggione
Si ttornate a ddà ssú mmejjo d’un fiore.

13 gennaio 1837

Questa poesia è stata letta 1013 volte