Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MAMMANA IN FACCENNE

Giuseppe Gioacchino Belli

Chi ccercate, bber fijjo? – La mammana. –
Nun c’è: è ita a le Vergine a rriccojje. –
Dite, e cquanto starà? pperché a mmi’ mojje
Je s’è rrotta mó ll’acqua ggiú in funtana.

Uhm, fijjo mio, quest’è ’na sittimana
Che jje se ssciojje a ttutte, je se ssciojje.
Tutte-quante in sti ggiorni hanno le dojje:
La crasse arta, la bbassa e la mezzana. –

E cche vvor dí sta folla? – Fijjo caro,
Semo ar fin de novemmre; e ccarnovale
È vvenuto ar principio de frebbaro.

Le donne in zur calà la nona luna
Doppo quer zanto tempo, o bben’ o mmale
Cqua d’oggni dua ne partorissce una.

31 gennaio 1837

Questa poesia è stata letta 432 volte