Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI GATTI DELL’APPIGGIONANTE

Giuseppe Gioacchino Belli

Ma ddavero davero, eh sora Nina,
Nun volemo finilla co sti gatti?
Jerzera me sfassciorno quattro piatti:
Oggi m’ hanno scocciato una terrina:

Uno me te dà addosso a la gallina:
L’antro me sporca li letti arifatti...
E oggnisempre bbisoggna che commatti
A ccaccialli a scopate da cuscina.

Ecco, er pupo oggi ha er gruggno sgraffignato.
E pperché ho da soffrí ttutti sti guasti?
P’ er vostro luscernario spalancato?

Quanno le cose sò ddette una, dua,
Tre e cquattro vorte, me pare c’ abbasti.
Lei se tienghi li gatti a ccasa sua.

27 febbraio 1837

Questa poesia è stata letta 1410 volte